Babbo Natale non esiste? Una dolce verità

Babbo Natale non esiste? Una dolce verità

Prima o poi questa domanda arriverà dalle labbra di ogni bambino “Babbo Natale davvero non esiste?Il mio compagno di scuola oggi mi ha detto che è un’illusione!”

Natale è la festa più emozionante per ognuno di noi, per la magia che racchiude, per l’amore che fa riscoprire, perché ognuno di noi impara a donare, ma indubbiamente per loro, per i bambini, è un’emozione unica. Come non pensare alla notte insonne sapendo che Babbo Natale si calerà dal camino!

Una magia che noi vorremmo non finisse mai per loro, perché i loro occhioni pieni di stupore sono il più grande dono, ma siamo consapevoli, allo stesso tempo, che dovremmo farci messaggeri di una dolce verità.

BABBO NATALE ESISTE: UNA FAVOLA EDUCATIVA

Raccontare l’esistenza di Babbo Natale in prima infanzia, è un momento fondamentale. Vivere la sua attesa e sapere che esista è per il bambino un evento educativo cruciale.

Attraverso esso, ha la possibilità di poter sperimentare il mondo delle favole e quello della realtà, una bidimensionalità necessaria per la sua crescita e la sua formazione.

La meraviglia di essere bambini, consiste proprio nel  poter vivere a pieno la fantasia e l’immaginazione. C’è la realtà, la vita quotidiana, la scuola dell’infanzia ad arricchire il loro bagaglio di esperienze, ma la fantasia, quella, è la più grande arma per diventare creativi e attivi.

E allora lasciamo che i nostri bimbi possano immaginare sotto le coperte Babbo Natale che scende dal camino e anzi prima di andare a letto, raccontiamo loro la sua storia in chiave educativa:

http://didatticaesorrisi.it/2017/12/03/lastoriadibabbonatalepereducareibambini/

 

DIVENTARE PICCOLI ADULTI CON UNA DOLCE VERITA’

Intorno ai sei-sette anni, indicativamente, la dimensione razionale del bambino sarà maggiormente spiccata e tra un dubbio proprio ed un dubbio insinuato inizierà a credere “Babbo Natale non esiste”.

Voi, il loro punto di riferimento, sarete i primi a cui correranno a chiedere spiegazioni, perché questo momento sarà per loro doloroso.

Pensate come sarebbe per noi adulti scoprire, una realtà completamente diversa da quella in cui abbiamo sempre creduto.

Questo momento arriva e ognuno di noi deve avere il coraggio di spiegare ai propri bambini una dolce verità.

Ciò che più tengo a sottolineare è la delicatezza da adottare, affinchè la delusione, la tristezza, la non accettazione siano assolutamente evitate; per far questo è necessario che riusciate a dedicare il tempo giusto a quelle parole che ricorderanno sempre, aprendo il vostro cuore e creando una riflessione profonda.

Altrettanto importante, inoltre, è distaccarsi dal proprio vissuto, da quanto sia stato o no doloroso per noi scoprire da bambini la verità, evitando di trasmettere loro empaticamente queste sensazioni.

 

ARRIVIAMO ALLA DOLCE VERITA’

Prendendo del tempo con vostro figlio iniziate a spiegare lui che Babbo Natale esiste e sempre esisterà, perché è la magia che lui porta con sè a farci vivere il Natale. Spiegate realmente che non sia stato mai possibile vederlo nella notte della Vigilia proprio per questo, perché si sarebbe ridotto tutto ai doni materiali.

Esprimete i vostri sentimenti più belli, spiegate che Babbo Natale vive nell’amore con cui scrivete insieme la letterina, nella magia di preparare insieme l’albero Natalizio,  negli abbracci di auguri, nell’affetto, Babbo Natale è semplicemente magia.

Ed ecco che ogni genitore, ogni nonno, ogni maestra che si prepara al Natale avrà dentro di sè Babbo Natale.

Andate insieme a vedere gli addobbi di Natale, le luci che lo emozionano e  sussurrategli che in tutto questo esiste Babbo Natale.

Perché la verità è che Babbo Natale Esiste finché qualcuno crede in lui e sarà così finché noi crederemo nella possibilità che i nostri desideri possano essere realizzati!

 

RICORDATEVI SEMPRE DI ALIMENTARE L’IMMAGINAZIONE DEI VOSTRI FIGLI, DI QUALUNQUE ETA’, RIUSCIRETE A SPIEGARE LORO I VERI VALORI DELLA VITA,ANCHE LE EMOZIONI, IN FONDO,  SONO MERAVIGLIOSAMENTE INVISIBILI! 

Leave A Comment