DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO-CONOSCERE PER AIUTARE

L’acronimo D.S.A. definisce Disturbi Specifici dell’Apprendimento, ovvero dei disordini dell’apprendimento che coinvolgono uno specifico dominio di abilità, non intaccando la sfera intellettiva.

COSA SI INTENDE PER D.S.A? UNA VISIONE NELLO SPECIFICO

I disturbi specifici dell’apprendimento hanno una base disfunzionale di tipo neurobiologico che coadiuvata all’ambiente, agli stimoli, al contesto sociale e ad altri fattori soggettivi del bambino può interessare diversi ambiti di competenza.

In particolar modo si distingue:

  • Dislessia: è un disturbo di lettura e di comprensione del testo. Il soggetto durante l’iter scolastico della scuola primaria mostra una criticità cronica nel riconoscimento delle lettere dell’alfabeto, nell’immediatezza della lettura e nella memorizzazione della corrispondenza grafema-fonema.

  • Disortografia: è un disturbo nella scrittura che riguarda l’ ambito strettamente ortografico e sintattico. ll soggetto difficilmente riconosce i suoni che compongono la parola e con altrettanta difficoltà riesce ad individuare la componente costruttiva della frase e della parola.

  • Disgrafia: è un disturbo dell’abilità grafo-motoria che si manifesta non solo in una modalità di scrittura poco fluente e rapida ma attraverso una grafia poco leggibile e spesso non collocata in modo spazialmente corretto nella pagina di scrittura. Il soggetto presenta anche, talvolta, una cattiva impugnatura della penna e della matita, una difficoltà a scrivere per un lasso di tempo prolungato ed una difficile riproduzione di lettere o immagini.

  • Discalculia: è un disturbo nelle abilità di calcolo che si manifesta sia nell’operare con essi che nella comprensione dei procedimenti da attuare nei compiti numerici. Il soggetto presenta difficoltà nell’astrazione del calcolo, nella memorizzazione di strategie di calcolo come le tabelline, nella quantificazione e nell’attribuzione di un valore posizionale alle cifre.

LA POSSIBILITA’ DI DIAGNOSI DI DISTURBO SPECIFICO DELL’APPRENDIMENTO PUO’ AVVENIRE SOLO IN PRESENZA DI VALORI DEL QUOZIENTE INTELLETTIVO DEL BAMBINO IN LINEA CON L’ ETA’ ANAGRAFICA.

DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO-FATTORI DI RISCHIO

I fattori di rischio sono delle variabili connesse statisticamente all’insorgenza di una patologia, per cui vengono definiti componenti di sviluppo di essa.

E’ importante sottolineare come essi non siano causa del disturbo, ma variabili che determinano una previsione probabile di associazione.

Le componenti associate al disturbo dell’apprendimento sono multiple:

  • PRESENZA DI UN DISTURBO MARCATO DEL LINGUAGGIO

 

  • PRESENZA DI PARTICOLARI DIPENDENZE DA ALCOOL O DROGHE NELLA COPPIA GENITORIALE

 

  • AMBEDUE O UN SINGOLO GENITORE CON DISTURBO DELL’APPRENDIMENTO

 

  • RIPETUTE ANESTESIE AVVENUTE  PRIMA DEL QUARTO ANNO DI VITA

 

L’IMPORTANZA DELL’INTERVENTO PRECOCE

I criteri diagnostici dei disturbi specifici dell’apprendimento delineano come tempi di certificazione il termine della classe seconda primaria.

Tuttavia, è importante sottolineare l’importanza della precocità dell’intervento per mezzo di una accurata analisi del bambino già a partire dalla scuola dell’infanzia delle abilità metafonologiche, delle competenze pregrafiche e delle variabili necessarie al futuro iter dell’apprendimento quali attentive, motorie, comportamentali.

In tal modo è possibile vigilare nell’iter evolutivo del bambino e sin dai tempi che precedono legislativamente una certificazione di DSA, adottare delle strategie ad personam per poter potenziare le difficoltà emergenti.

 

 

 

 

 

2 Comments

  1. Unasicilianaincucina 1 agosto 2018 at 19:02 - Reply

    Mi interessava questo argomento grazie per il post

    • tancettifederica 6 agosto 2018 at 07:22 - Reply

      Buongiorno, grazie a te per averlo letto ed apprezzato! Se ti fa piacere rimani connessa con me, questo è solo il primo di una serie di post in cui spiegherò tutte le caratteristiche nel dettaglio! un bacio

Leave A Comment