QUANDO NASCE UN PAPA’, NASCE UNA STELLA!

QUANDO NASCE UN PAPA’, NASCE UNA STELLA!

“Un padre è qualcuno che ti prende in braccio e ti insegna a ridere. Qualcuno che quando chiudi gli occhi puoi sentire il suo cuore battere nel tuo. Qualcuno che con la sua mano grande come il cielo ti indica la strada. Qualcuno che, basta un soffio appena nei polmoni, per toglierti ogni paura. Che grande forza che ha un padre.” queste sono le meravigliose parole con cui Fabrizio Caramagna descrive la grandezza di un papà.

Sì, perchè, ogni volta che al mondo viene donato un papà, nasce una stella, una stella cometa, una luce che guida.

PRIMA INFANZIA, UN TRIADE VINCENTE

Sin dalla primissima infanzia, l’attaccamento materno con il neonato ha delle radici davvero profonde.

I nove mesi passati cuore a cuore, il momento del parto, l’allattamento al seno e l’accudimento fisico, rendono il legame madre-figlio particolarmente esclusivo e magico.

Quale funzione può avere il papà in questo momento?

Sebbene la sua figura, appaia in secondo piano, l’importanza che la sua presenza assume è tutt’altro che tale. L’efficace relazione triadica, pone le sue basi già nel periodo gestazionale, in cui la voce di ambedue i genitori, di cui il bambino, attraverso i tessuti, ha risonanza, crea un ambiente educativo e relazionale particolarmente fecondo.

L’unione delle figure genitoriali durante i nove mesi viene percepita dal bambino, egli coglie l’amore profondo che lo circonda attraverso la serenità, il buon umore ed il battito del cuore materno.

Alla nascita, si manifesta un continuum di questo assetto triadico, una relazione in cui il padre è sostegno psicologico, affettivo ed emotivo della madre, è riferimento per il bambino attraverso il suo tocco, è fonte di serenità  attraverso le parole sussurrate, è ESEMPIO perchè creatore di un ambiente sereno e caldo, adatto alla sua crescita.

La parola chiave: TRIADE VINCENTE! UN IO E TE CHE DIVENTA NOI!

“PAPA’ MI SEI ACCANTO?” IL RUOLO PATERNO NELLA CRESCITA

Nella fase  di crescita, il bambino più volte si domanda ” Papà mi sei accanto? ” Sei orgoglioso di me?”

Pensate che grande riferimento sia per un figlio!

Pensate che grande emozione sia sapere che papà è orgoglioso di lui!

La figura paterna, pertanto, nel corso evolutivo della vita del bambino, rimane un riferimento etico ed un esempio affettivo, di grande rilevanza.

Il bambino, così come il futuro adolescente, sente il bisogno di avere dei punti fermi nella propria vita, di poter considerare il genitore, talvolta, un rifugio negli ostacoli di crescita, di affidarsi a lui, di poter dialogare con lui senza timori trovando solide conferme.

La salda presenza paterna che accompagna tutte le tappe di crescita, influenza notevolmente il futuro del bambino ed il suo sviluppo relazionale, perché interiorizzando il suo modello, potrà essere roccia che sorregge, potrà acquisire sicurezza di sè stesso, potrà essere in futuro essere una guida sapiente.

Ma, ricordatevi, qui, come sempre nella vita, come prima vi dicevo, è la triade a vincere, è la sinergia a trasmettere, è l’empatia a cogliere dritto al cuore, è la sintonia e l’amore genitoriale a far nascere il desiderio nel bambino di emulare quell’amore che ha vissuto a pieno.

“E’ MOLTO PREZIOSO CIO’ CHE FAI CON ME, PAPA’!”

Voglio parlarvi di un libro, di un libro che io amo molto,voglio trasmettervi l’emozione che racchiude, perché credo sia il dono più bello che si possa fare ad un papà.

Vi presento “Io e te, papà!

Un libro fantastico, tutto da compilare con papà, per conoscersi meglio, per amarsi, per non dimenticarsi mai di quanto importante sia questo rapporto.

Molto più che un libro, per me un diamante educativo, che riesce a conciliare la possibilità di trascorrere del tempo insieme, la ricchezza di scoprirsi, la fortuna di non perdersi.

Un papà potrà riscoprirsi, un bambino potrà innamorarsi ed un legame potrà essere scritto su carta per rimanere eterno!

Grazie ad ogni mamma per aver reso un uomo papà e grazie ad ogni papà per aver donato se stesso a suo figlio!

 

 

Leave A Comment